l'informazione ispirata ai valori del giornalismo di Domenico Di Meglio|venerdì, settembre 27, 2013
Sei qui: Home » Casamicciola Terme » Nuovo rischio chiusura per l’Eliporto. L’ASL comunica la mancanza di fondi per sostenere il servizio. Il parere di Arnaldo Ferrandino

Nuovo rischio chiusura per l’Eliporto. L’ASL comunica la mancanza di fondi per sostenere il servizio. Il parere di Arnaldo Ferrandino 

Marina-eliporto-big

Ida Trofa | Il prossimo 30 giugno scade la convenzione con l’ASL Napoli 2 per la gestione e la tenuta dell’Elisuperficie di Casamicciola Terme. Tagli, mancanza di fondi ed indisponibilità economiche mettono nuovamente a rischio il servizio di soccorso in elicottero per l’intera isola. Un presidio di vitale importanza per la sicurezza e la tutela della pubblica e privata incolumità che non può essere lasciato alla mercè di conti e risparmi di bilancio. La salute dei cittadini isolani va tutelata e garantita anche attraverso la continuità territoriale e la celerità che i trasporti in eliambulanza han garantito sin’ora agli Isolani.In queste ore è giunta nei municipi ischitani una nota rivolta ai sindaci in cui si evidenzia la scadenza della convezione ASL per eliporto e la conseguente volontà dell’azienda sanitaria di non rinnovare la stessa a meno di una compartecipazione economica dei sei municipi isolani. Dunque dal 1 luglio l’ASl di Napoli per conto del servizio 118 non verserà più le quote dovute per gli atterraggi di soccorso, a meno che i comuni nell’ottica di un piano di servizi congiunti non si impegnino a compartecipare nel pagamento dei costi relativi. A sopperire al mancato introito per la funzionalità dell’importantissimo scalo eliportuale dovranno essere i comuni isolani che godono del vitale collegamento elicotteristico da e per la terraferma. Una unione dei servizi anticipata che però la città di Ischia, secondo indiscrezioni trapelate, mostra di non gradire in previsione della presenza di Casamicciola Terme. L’auspicio è che, superata ogni difficoltà e legittima e personale convinzione, si possa agire uniti per il bene comune del popolo ischitano scongiurando la fine di un servizio essenziale ed imprescindibile come l’elisoccorso. Al momento si è in attesa di nuove determinazioni ASL a far seguito a  questa prima nota ed agli intercorsi colloqui con i sindaci interessati in primis il sindaco di Casamicciola Terme. Quel che è certo è che il rischio c’è!

Casamicciola in particolare rischia,  trovandosi in un doppio vesta e con doppi disagi alle prese com’è con la necessità di garantire impiego e remunerazione ai sette addetti della Marina di Casamicciola alla struttura eliportuale che, con i tagli alla spesa ASL, porterebbe oltre che alla morte del servizio sanitario di trasporto in elicottero anche al possibile reimpiego e in estrema ipotesi al licenziamento dei dipendenti in questione.

Del Caso eliporto dell’Isola d’Ischia se ne discuterà dopo domani a Monteruscello con i responsabili del settore ASL NA2 ed i sindaci isolani.

In merito abbiamo chiesto al sindaco Arnaldo Ferrandino cosa sta accadendo e quali i provvedimenti abbia assunti in merito.

Sindaco cosa accadrà all’Eliporto e al soccorso in elicottero?
“Al momento siamo in attesa che l’ASL ci invii le sue determinazioni a seguire la nota informativa sulla scadenza della convezione al 30 giugno prossimo. Quel che sappiamo certamente è che l’ASL non la rinnoverà se non in caso di compartecipazione economica dei comuni isolani”

Nel caso, come è intuibile, i comuni non abbiano i fondi necessari come faremo e come farete?
“Faremo i servizi essenziali, quelli che riusciremo a fare secondo le esigenze e le necessità più urgenti. In primis le questioni sanitarie. L’auspicio è quello di poter contare sul buon senso di tutti e soprattutto che il buonsenso prevalga. Alla fine a seconda di come agirà la Regione e l’ASL ci regoleremo per garantire i servizi essenziali ”

 I dipendenti di Marina di Casamicciola impiegati sull’eliporto rischiano il licenziamento?
“Al momento è prematuro dirlo! Questo è un altro aspetto che riguarda marginalmente i dipendenti e Marina di Casamicciola ”

L’ASL ha già versato le quote dovute per questi primi sei mesi del 2012 come sono stati investiti, perchè i dipendenti non sono stati ancora pagati?
Come è oramai noto i soldi, anche se per servizi svolti dalla partecipata, finiscono al comune e qui si confondono come fondi propri. Così, vista la penuria di liquidità, per rigirarli e pagare i canoni dovuti alla società bisogna attendere di avere materialmente i soldi in cassa. Questo purtroppo è il limite!”

È quanto mai opportuno sperare che  il governo del paese riesca a risolvere a breve questo grave problema con lo sforzo congiunto di tutti!

 

 

%d bloggers like this:
UA-17747172-1